Categorie
Approfondimenti

Babywearing: cos’è e come indossarlo

Babywearing significa letteralmente indossare il bambino. I benefici per i genitori e per il piccolo sono importanti. Si sviluppa meglio l’attaccamento e si hanno le mani libere per gestire le diverse attività durante la giornata.

Si possono scegliere tra diversi tipi di fasce, oppure puntare sui marsupi per neonato online su Flokbaby.it. Quali sono le caratteristiche del babywearing e come funziona?

Babywearing: cos’è e accessori

Il babywearing permette di portare un neonato in sicurezza sulla schiena o davanti. Le origini sono molto antiche e c’è stato un periodo dove questa pratica è andata in disuso. Poi, complice la praticità e i benefici legati all’attaccamento del neonato, oggi in tanti riprendono questa scelta, ma con strumenti del tutto nuovi. Quali sono gli accessori importanti per questa pratica?

Fascia elastica

La fascia elastica è un telo di tessuto elastico, di solito di single jersey o double jersey. Ha una lunghezza variabile dai 4,5 ai 5,6 metri. La larghezza, invece, va dai 50 agli 80 centimetri.

Si può usare in sicurezza finché il bambino non raggiunge i 6 chili di peso, perché poi può cedere. Si usa allacciandola alla vita, alle spalle e al petto. Si crea così una cavità, dove il bambino si può inserire. Il piccolo sentirà il battito cardiaco della mamma e si tranquillizzerà più in fretta.

C’è anche una variante in tessuto. Si utilizzano il lino o il cotone. Le misure sono un po’ diverse: 2,7-5,7 metri di lunghezza per una larghezza tra i 65 e i 75 centimetri. Il tessuto traspirante è ideale in estate. L’elasticità è in diagonale e questo permette di appoggiare il bambino sulle spalle o davanti in base alle esigenze.

Mei Tai

Il Mei Tai è una fascia che si basa sulla tradizione cinese ed è rimasto con le stesse caratteristiche nel tempo. Ha la forma rettangolare e diverse fasce per sostenere il bambino. Si utilizza soprattutto per tenere il bambino alle spalle.

Si tratta di un ottimo compromesso per chi si è trovato male con la fascia elastica o con il marsupio. Il tessuto è leggero per garantire il maggiore comfort possibile al bambino. Il genitore che lo porta, invece, ha un ottimo supporto per gestire meglio il peso e ha le mani libere in caso di pioggia o se ci sono delle cose da fare.

Servono attenzione e una certa pratica per usarlo bene, ma una volta imparato il bambino e il genitore si trovano benissimo.

Fascia ad anelli

La fascia ad anelli ha una lunghezza tra 1,8 e 2,4 metri. La larghezza, invece, è tra i 65 e i 75 centimetri. Si chiama ad anelli perché ci sono degli anelli di diametro tra i 7 e gli 8 centimetri, che fanno da giuntura. Così, è più facile regolare la lunghezza in base all’altezza della persona e al peso del piccolo.

Si porta solo sul fianco, perché scarica il peso su una spalla sola. Si tratta di una soluzione molto pratica per scendere velocemente le scale e fare un tragitto breve. Non è ideale per viaggi e scampagnate.

Quando lasciare la fascia

Fasce e marsupi per il babywearingsi possono indossare solo a particolari condizioni. I bambini crescono molto in fretta. Questi accessori sono utili per i primi 2-3 mesi di vita. Il peso deve far pensare quando cambiare supporto.

Se il peso supera i 6 chili, il piccolo può rischiare di cadere con questi strumenti, quindi conviene scegliere un passeggino o un supporto completamente diverso. Per i primi momenti di vita, si può usare per dare sicurezza al piccolo e per farlo esplorare.

Il piccolo sentirà le sensazioni della mamma e potrà accompagnarla nelle piccole faccende quotidiane in sicurezza. I prezzi sono variabili in base all’azienda e al tipo di tessuto, ma non conviene puntare al risparmio, per garantirti una qualità maggiore dei materiali.