Categorie
Casa

Ambiente Montessori per una casa a misura di bambino

Un obiettivo molto importante del cosiddetto metodo Montessori è quello di accompagnare il bambino nella sua crescita e quindi nel diventare del tutto indipendente da adulto. Questo obiettivo deve essere perseguito con estrema attenzione indirizzando il giusto approfondimento per quello che viene definito ambiente Montessori. In pratica, un ruolo primario nel metodo è quello di un ambiente dove il bambino possa trovare confort per essere più indipendente e libero.

Ci sono una serie di accorgimenti che devono essere effettuati all’interno della propria casa per renderla in linea con queste esigenze partendo dall’arredamento. Entrando maggiormente nel merito, l’arredamento deve essere leggero, ma al tempo stesso resistente e grazioso. Ad esempio, si può prendere in considerazione l’idea di posizionare degli scaffali bassi che siano a portata del bambino, inserire dei tavoli e delle sedie basse da poter essere utilizzate direttamente senza alcun genere di problema.

Inoltre, è consigliato l’opportunità di consentire al bambino di avere un contatto diretto con gli oggetti che fanno parte della realtà evitando così le riproduzioni in plastica.

L’ambiente Montessori stimola indipendenza e libertà di movimento

Come abbiamo accennato in precedenza, un ambiente idoneo non permette soltanto al bambino di acquisire maggiore indipendenza, ma soprattutto le favorisce il libero movimento.

Questo aspetto è molto importante in quanto il bambino avrà quindi la percezione dei movimenti che può compiere e quindi di autodisciplina. A tal proposito sono assolutamente sconsigliati alcuni oggetti che di fatto realizzano delle barriere fisiche come nel caso di box e di sbarre giacché non permettono al bambino di imparare a governare il proprio movimento.

Bisogna, insomma, plasmare l’ambiente in cui il bambino vive per consentirgli di avere a propria disposizione l’acqua oppure per quanto riguarda la possibilità di prendere giocattoli a proprio piacimento senza dover rivolgersi agli adulti. Questo aumenta la sua sensazione di indipendenza e soprattutto gli consente di autodisciplinarsi evitando movimenti e situazioni che potrebbero essere pericolosi per la sua salute e l’incolumità fisica.

I principi fondamentale per avere un ambiente stimolante per il bambino

Per progettare e realizzare un ambiente che sia a misura di bambino, bisogna tenere in considerazione alcuni principi fondamentali. Innanzitutto, si deve permettere al bambino di godere di quella necessaria libertà.

Il piccolino deve avere la possibilità di sperimentare questa sensazione effettuando qualsiasi genere di movimento con quella che viene definita anche un’azione esplorativa che gli permetterà di autodisciplinarsi. Un altro principio fondamentale dal quale partire per la progettazione dell’ambiente è l’ordine. I bambini sono molto sensibili all’ordine soprattutto nei primi tre anni di vita.

Quindi un ambiente caotico di fatto inibisce il bambino che non riesce a lavorare in maniera opportuna. Come abbiamo già avuto modo di indicare in precedenza, un altro aspetto dell’arredo domestico e più in genere un ambiente dove solitamente si trova il bambino, è quello della bellezza.

Infatti, un ambiente ben curato trasmette al bambino quella sensazione di pace e tranquillità che vogliamo nell’effettuare determinate cose. Infine, per quanto riguarda il metodo Montessori una particolare importanza è rivestita anche dalla natura. La natura, infatti, è fonte di grande ispirazione per cui nell’ambiente è opportuno inserire piante e fiori e quanto più possibile complementi di arredo ed oggetti realizzati con materiali naturali come nel caso del cotone in legno e il bamboo.